Contattaci: 06 44252248   |     Scarica l’App delle Spese per Android >   |    Scarica l’App delle Spese per iOS >
12 maggio 2017

Antiracket – Fai, la lettera aperta dell’Ambulatorio Antiusura alle vittime di estorsione

racket-vittime-ambulatorio-antiusura

“Se fossi un mafioso ​oggi​ sarei felice”: inizia così la lettera aperta che il presidente di Ambulatorio Antiusura ONLUS, l’avvocato Luigi Ciatti, ha inteso scrivere indirizzandola alle vittime dei fenomeni di racket, usura e sovrindebitamento. Da giorni le realtà e le associazioni della galassia antiracket si stanno mobilitando in sostegno della Federazione Antiracket Italiana fondata da Tano Grasso dopo l’articolo apparso sul quotidiano “la Repubblica” e intitolato “La battaglia antipizzo dei coraggiosi e quella che lucra sui fondi pubblici”. 

“Se fossi un mafioso oggi sarei felice perché gettare fango addosso a chi ha preso la sua vita e l’ha messa accanto a quella delle vittime, dedicando ogni pensiero  alla lotta alla criminalità organizzata,  significa di fatto  delegittimare decenni di battaglie per la legalità, migliaia di storie e di persone per bene, centinaia di atti di coraggio e​ di scelte civiche mosse esclusivamente dall’amore ​per la giustizia”, scrive Ciatti nella lettera aperta.

Scarica il testo:

Lettera aperta​: alle vittime del racket che ancora non hanno trovato la forza di denunciare